Archive for the Tema libero Category

Le sigarette presidenziali

Posted in Tema libero with tags , , , , , , , , , , , on 23 settembre 2009 by Sbloggato

Una volta si poteva fare pubblicità alle sigarette. Bei tempi quelli, quando non si aveva paura delle favole raccontate dagli oncologi e dagli pneumoterapeuti.

Negli anni ’50, quando Doc Emmett Brown chiedeva a Marty McFly arrivato dal 1985…

“Allora dimmi, ragazzo del futuro, chi è il Presidente degli Stati Uniti nel 1985?”
Ronald Reagan…”
“Ronald Reagan? L’attore? Eh! E il vicepresidente chi è? Jerry Lewis?”

che poi non sarebbe tanto diverso se, mettiamo caso, qualcuno di noi tornasse indietro di poco meno di trent’anni…

“Allora dimmi, ragazzo del futuro, chi è il Presidente del consiglio nel 2009?”
Silvio Berlusconi…”
“Silvio Berlusconi? L’affiliato alla p2? Eh! E il capogruppo del partito di maggioranza chi è? Cicchitto?”

Continua a leggere

James Stewart il poeta

Posted in Tema libero with tags , , , , , , , , , on 22 settembre 2009 by Sbloggato

Forse non tutti sanno che James Stewart, il grande attore dei migliori film di Hitchcock (su tutti “Vertigo“, incomprensibilmente distribuito in Italia con il titolo di “La donna che visse due volte” – tradizione che pare non morire se è vero che il bel film, con un bel titolo, del francese Michel GondryEternal Sunshine of the Spotless Mind” in Italia si intitola “Se mi lasci ti cancello“), è stato anche poeta.

Un libro pubblicato da Crown nel 1989, mai tradotto in italiano, raccoglie le sue liriche migliori ed è acquistabile su Amazon. Non crediamo sia stato molto venduto se è vero che non è su nessuno scaffale di Anobii.

Una poesia di Stewart è rimasta nella storia della televisione americana in quanto commosse Johnny Carson, il conduttore del Tonight Show (la trasmissione condotta ora da Jay Leno). La poesia era dedicata a Beau, il suo amato cane appena morto. Qui sotto, grazie a Youtube, possiamo riproporvi quell’episodio risalente al lontano 1981. Inoltre troverete il testo originale della poesia (ripreso da “Jimmy Stewart and His Poems” , James Stewart, Crown Publishers, 1989).

Continua a leggere

The duke is naked

Posted in Tema libero with tags , , , , , , , on 26 luglio 2009 by Sbloggato

Nel 1969 David Bowie (sito ufficiale) raggiungeva per la prima volta la fama nazionale e internazionale con “Space oddity“, un grande classico della musica di fantascienza.

Nello stesso anno la casa discografica del duca bianco decise di lanciarlo sul mercato italiano. Testo di Mogol, “Space oddity” in Italia diventò “Ragazzo solo, ragazza sola”. Nessuna traccia del Major Tom nè di alcun Maggiore Tommaso.

Continua a leggere

L’islamismo nella Stella della Redenzione di Franz Rosenzweig

Posted in Tema libero with tags , , , , , on 17 luglio 2009 by Sbloggato
Per festeggiare i 2 anni da dottore del sottoscritto, viene qui pubblicato un articolo che scrissi per una rivista di filosofia in seguito alla laurea ma che non fu mai pubblicato. Interesserà poco e a pochi, ma forse potrà dare una parvenza di intellettualità allo Scatolone. Perchè non siamo solo cultura moderna.

Franz Rosenzweig nasce da una famiglia ebraica in Germania nel 1886 e muore nel 1929: dunque egli muore prima dell’ascesa del nazionalsocialismo e delle teorie della razza hitleriane, ma attraversa la prima guerra mondiale e il passaggio dall’Impero tedesco bismarckiano alla Repubblica di Weimar. Dato biografico importante per la comprensione della sua speculazione, è la decisione di Rosenzweig di convertirsi al cristianesimo, religione del mondo occidentale. Tale scelta viene disattesa subito dopo per la riscoperta dell’ebraismo come religione vitale, riscoperta che lo induce a restare ebreo.

Continua a leggere

Rothko e la sua cappella

Posted in Tema libero with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 12 giugno 2009 by Sbloggato

Io conosco un artista contemporaneo che è diventato celebre in tutto al mondo per quadri così. Quadri talmente apprezzati da creare un celebre caso giudiziario legato alla sua eredità. Roba di tal valore che critici e organizzatori di mostre di tutto il mondo si chiedono quale sia il verso giusto: – E’ dritto! – dice uno.
– No, è al contrario! – dice un altro.

Continua a leggere

Jim Morrison è ancora vivo e sta alle Seychelles?

Posted in Tema libero with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 20 aprile 2009 by Sbloggato

Neanche un anno fa questa clamorosa dichiarazione di Ray Manzarek passò praticamente sotto silenzio.

L’unico modo per scoprire se Morrison vive (o è vissuto) nelle isole africane è analizzarne la musica.

  • Musica popolare delle Seychelles. Secondo wikipedia la musica tradizionale è molto variegata. La musica etnica si è con gli anni fusa con suoni provenienti dall’Europa: con la contraddanza, la polka e la mazurka, con la musica popolare francese, con la sega (musica tradizionale di Mauritius e Reunion, da non confondersi con la sega musicale che è uno strumento),  con il taarab (Tanzania), con la rumba africana, e con sonorità indonesiane, indiane e greche. Un bel casino.

Thank God for the bomb!

Posted in Tema libero with tags , , on 11 dicembre 2008 by Mitopoietico

Dagli archivi della libreria Imperiale, 11-7-2693

Ciò che state per leggere è un rarissimo reperto del Dopobomba, il periodo successivo alla guerra lampo atomica che nel 2010 ha distrutto quasi del tutto il mondo allora conosciuto. Per centinaia di anni soltanto gli scavengers si sono aggirati all’interno dei resti degli antichi centri urbani per il pericolo delle radiazioni e dei gruppi di banditi.

Il reperto si presenta sotto forma di un foglio di carta quadrettata, probabilmente strappato da un taccuino a spirale e scritto con inchiostro nero tramite una penna a sfera. E’ stato ritrovato perfettamente conservato nascosto dentro ad una scatola metallica sepolta sotto le macerie di un edificio. Il sito del ritrovamento è all’interno di quella che probabilmente era una zona residenziale di una cittadina nel territorio del Sacro Cristiano Impero.

Attualmente gli studiosi si interrogano sulla natura di questo documento: una invettiva satirica o una sincera preghiera?

Continua a leggere